EQUIVALENTE.IT è anche su Facebook,
clicca Mi piace qua sotto!

Benvenuti su Equivalente.it, il portale sui farmaci generici dedicato
alle famiglie e a chi è attento ai temi di salute e risparmio.

Qui potete trovare tutte le informazioni sui farmaci equivalenti,
medicinali generici, patologie, automedicazione e news sulla salute.

Attenzione: apre in una nuova finestra. Stampa

SISTEMA NERVOSO

NOME PRINCIPIO ATTIVO: GABAPENTIN

Farmaco essenziale di classe A, erogato gratuitamente al cittadino
Ricetta medica obbligatoria
Compresse da 100 – 300 - 400 mg

A che cosa serve

Trattamento di supporto degli attacchi epilettici parziali non adeguatamente controllati da altri farmaci antiepilettici; controllo del dolore neuropatico periferico (per esempio, neuropatia diabetica e nevralgia post-erpetica).

Quanto ne serve

Contro l’epilessia, il dosaggio efficace va raggiunto gradualmente, con incrementi quotidiani della quantità di farmaco. Nell’adulto si parte da 300 mg/die in un’unica somministrazione il primo giorno per arrivare a dosaggi medi compresi tra 900 e 1.200 mg/die, suddivisi in tre assunzioni.
Per il controllo del dolore neuropatico, dopo i 18 anni, si segue un percorso analogo, arrivando se necessario fino a dosaggi quotidiani di 1.800 mg.
Per il trattamento dell’epilessia, nei bambini tra 6 e 12 anni, i dosaggi iniziale e di mantenimento vanno definiti in base al peso e l’assunzione suddivisa in tre momenti della giornata, analogamente agli adulti.

Come e quando si prende

Si assume con acqua, distanziando le tre dosi di circa 8 ore una dall’altra.

Effetti indesiderati, controindicazioni, interazioni

Gabapentin può associarsi a modesti effetti collaterali quali: secchezza della bocca, nausea, dispepsia, vertigini, sonnolenza, stanchezza, ansia, parestesie e tremori, nistagmo e disturbi visivi, ritenzione idrica, aumento di peso, dolori articolari.

L’assorbimento di Gabapentin può essere ridotto dai farmaci contro l’acidità gastrica mentre l’uso contemporaneo di antidepressivi e di farmaci antimalarici (clorochina e idrossiclorochina) può facilitare lo scatenamento di convulsioni.

Per evitare fastidi (insonnia, ansia, nausea, dolore e aumento della sudorazione), il trattamento va sempre interrotto in modo graduale, scalando il dosaggio secondo le indicazioni del medico.

A cura di ELSEVIER. Scheda aggiornata al 05.05.2010

Cerca il principio attivo

Iscriviti alla newsletter

iscrivimi
toglimi
Registrandoti alla nostra newsletter riceverai periodicamente notizie sui farmaci equivalenti e sulla salute in genere.

Contenuti a cura di:

lo staff medico di equivalente.it

Elsevier

Contenuti generali a cura di Assogenerici. Per i dettagli, consultare le singole sezioni.

I contenuti di questo sito non sostituiscono in alcun caso il parere del medico e non costituiscono in alcun modo una visita medica a distanza.
Queste informazioni non sono da considerarsi come consulto, visita o diagnosi formulata dal medico.